“Antichità, e altre galanterie diverse”. Giovan Girolamo Carli collezionista erudito

Elisa Bruttini
Per tratteggiare la vicenda biografica di Giovan Girolamo Carli basterebbero poche linee essenziali: nato ad Ancaiano, borgo della Montagnola senese, nel 1719, si trasferisce a Siena, dove diviene l'allievo prediletto di Sallustio Bandini, insieme a Giuseppe Ciaccheri, amico fraterno e futuro Bibliotecario della Sapienza nonché fautore della raccolta che confluirà nell'attuale Pinacoteca Nazionale di Siena. Laureatosi in diritto civile ed ecclesiastico nel 1742, dopo una breve parentesi a Bologna nelle vesti di precettore dellafamiglia Caprara, Carli resse quindi le cattedre di retorica dei seminari di Colle di Val d'Elsa, prima, e di Gubbio, poi, per ottenere infine la carica di segretario perpetuo dell'Accademia voluta dall'imperatrice Maria Teresa a Mantova. Grazie all'illuminata politica teresiana, alla stima ottenuta presso il conte di Firmian e ai contatti con personaggi prestigiosi come Saverio Bettinelli, Ippolito Pindemonte e Giuseppe Pelli Bencivenni, Carli diventa protagonista di una rinascita culturale che sembra ripagarlo delle tante fatiche e delle mancate soddisfazioni senesi: si dedica così all'allestimento del Museo Statuario, dando prova di un moderno approccio al restauro, ai contesti di provenienza e ai criteri di ordinamento delle opere, e alla pubblicazione di apprezzate dissertazioni di carattere ecfrastico ispirate ad antichi bassorilievi. Una parentesi di mondanità e successo, questa, che chiude una vita umile e appartata: Carli si spegnerà infatti a Siena nel 1786, sopraffatto dall'età e dalla malattia. Un'esistenza spesa sui libri e negli archivi, dedita agli studi di antiquaria e sull'arte antica e spesso “portata in giro”, per dirla con Kavafis, nel viavai frenetico degli incontri con i principali intellettuali del tempo e, soprattutto, nei continui viaggi che gli valsero l'epiteto accademico di “Vagabondo”. Una carriera tutt'altro che libertina, la quale, a più riprese, lo allontanò da Siena, patria ingrata che mai gli riconobbe i dovuti meriti ma che, grazie agli amici di sempre, rimaneva comunque il luogo dell'anima.

Indice

Lorenzo Miletti, Stefania Tuccinardi Una celebrazione poetica del Cortile delle Statue e della 'Cleopatra' in Vaticano: Aurelio Serena da Monopoli
vai all'articolo » pag. 3-19
Roberto Bartalini “La piaga che Maria richiuse e unse”. Di nuovo sui dipinti murali di Ambrogio Lorenzetti nella cappella di San Galgano sul Monte Siepi
vai all'articolo » pag. 20-31
Cristiana Pasqualetti Novità sul Pontificale Calderini e sulle vicende della miniatura fra l'Aquila e l'Urbe negli anni del Grande Scisma (con una traccia su Zacara da Teramo “scriptore et miniatore”)
vai all'articolo » pag. 32-59
Silvia Paltineri Un gruppo di situle figurate atestine del V-IV secolo a.C. Una proposta di interpretazione
vai all'articolo » pag. 60-68
Antonio Mazzotta Altri 'ritratti' veneziani per Antonello, Jacometto e Andrea Previtali
vai all'articolo » pag. 69-91
Cristina Conti Perino del Vaga e il 'Compianto sul Cristo morto' in Santo Stefano del Cacco: una proposta di datazione
vai all'articolo » pag. 92-95
Camilla Colzani Pellegrino Tibaldi nel cantiere pittorico della Sala Regia vaticana: documenti e disegni
vai all'articolo » pag. 96-99
Giuseppe Porzio Ribera intorno al 1625: un nuovo 'San Francesco'
vai all'articolo » pag. 100-104
Gennaro De Luca Il poeta Giorgio Maria Rapparini e le arti alla corte palatina di Düsseldorf
vai all'articolo » pag. 105-121
Stefania Castellana Un'incursione nella bottega del Sagrestani: Giuseppe Moriani e il 'Martirio di Sant'Andrea' nella chiesa delle Mantellate a Firenze
vai all'articolo » pag. 122-133
Elisa Bruttini “Antichità, e altre galanterie diverse”. Giovan Girolamo Carli collezionista erudito
vai all'articolo » pag. 134-141
Nicol M. Mocchi Il modello austro-tedesco per i pittori italiani negli anni del Simbolismo: qualche ipotesi di ripresa visiva
vai all'articolo » pag. 142-165
Annamaria Petrioli Tofani Mario Di Giampaolo: in memoriam
vai all'articolo » pag. 166-172
Victor M. Schmidt Z. Murat, Guariento
vai all'articolo » pag. 173-179
Eliana Carrara Le postille di padre Sebastiano Resta ai due esemplari delle «Vite» di Giorgio Vasari nella Biblioteca Apostolica Vaticana; Le Postille di Padre Resta alle «Vite» di Baglione
vai all'articolo » pag. 180-181