Contributi alla ritrattistica di età severiana dalla collezione Gonzaga

Una rara tipologia di busti-ritratto di età romana è quella dei busti 'a mezza figura', in cui il taglio del torso scende al di sotto del petto, fino a raggiungere l'altezza della vita e l'attacco dei fianchi, così da comprendere per intero le braccia. Figure femminili a mezza figura sono documentate fin dall'età ellenistica in contesti funerari delle coste ellenizzate del nord Africa (da Cirene) e dell'area laziale (da Palestrina), ma si tratta in entrambi i casi di figure ideali, prive di intenti ritrattistici.
Il busto-ritratto a mezza figura sembra fare la sua comparsa in ambito romano solo a partire dal I secolo a.C., nei rilievi funerari di liberti, come valida e più economica alternativa alla scultura intera. Documentato molto di rado per tutto il I e buona parte del II secolo d.C., questo tipo di busti conosce un improvviso incremento a partire dalla tarda età antonina.

(per continuare a leggere acquista l'intero articolo)

Indice

Paolo Parmiggiani Benedetto da Maiano in Ungheria: i ritratti di Mattia Corvino e di Beatrice d'Aragona a Budapest
vai all'articolo » pp. 2-38
Roberto Bartalini Sulla camera di Alessandro e Rossane alla Farnesina e sui soggiorni romani del Sodoma (con una nota di Girolamo Genga a Roma e le sue relazioni con i Chigi)
vai all'articolo » pp. 39-73
Donatella Pegazzano I 'Cardinali guerreggianti'. Dipinti inediti di Giovan Battista Vanni per monsignor Lorenzo Corsi
vai all'articolo » pp. 74-94
Valentina Manganaro Dionisio Mazzuoli da scalpellino ad architetto, e il restauro in stile “goto” della facciata meridionale del Duomo di Siena (con un'aggiunta al catalogo di Nicola Pisano)
vai all'articolo » pag. 95-116
Monica Butzek Ancora su Dionisio Mazzuoli: il testamento e l'inventario della sua eredità
vai all'articolo » pp. 117-127
Anna Maria Riccomini Contributi alla ritrattistica di età severiana dalla collezione Gonzaga
vai all'articolo » pp. 128-137
Barbara Agosti Sulla biografia vasariana di Taddeo Zuccaro
vai all'articolo » pp. 136-157
Daniele Sanguineti Francesco Fanelli: considerazioni sull'attività genovese
vai all'articolo » pp. 158-180
Stefano l'Occaso Giuseppe Maria Crespi e altri pittori bolognesi a Salò
vai all'articolo » pp. 181-188