Dioscuri spartani, Dioscuri beotici: alcune testimonianze iconografiche

Nella sua Raccolta di musici celebri, il filosofo ed erudito
Eraclide Pontico (IV sec. a.C.) presenta una rassegna degli
antichi poeti greci, a partire dal tebano Anfione, figlio di
Zeus e di Antiope, ritenuto il mitico inventore della
citarodia e della poesia citarodica. In tale contesto, egli
paragona lo stile compositivo degli archaia melopoioi a quello
di Stesicoro, che, come questi, componeva i propri versi di
soggetto epico in forma metrica e solo in un secondo momento
rivestiva il testo con la musica.
Per la sua rassegna, Eraclide – ci dice lo pseudo-Plutarco che
riporta il passo dell'autore – attinge a un'epigrafe di
Sicione, forse esposta in un tempio, che elencava le
sacerdotesse di Argo e poeti e musici, fornendo brevi
informazioni sulla loro origine e attività. Il tempio in cui
avrebbe dovuto essere esposta l'epigrafe potrebbe essere forse
lo stesso edificio templare dedicato ad Afrodite in cui
Pausania (2, 10, 4) colloca, oltre alla statua crisoelefantina
della dea, opera di Canaco di Sicione, un agalma della madre
di Anfione, Antiope, che, secondo Apollodoro (3, 5, 5), si
sarebbe rifugiata a Sicione dopo la sua unione con Zeus, per
sfuggire alle minacce di suo padre, e avrebbe lì sposato il re
Epopeo.

(per continuare a leggere acquista l'articolo)

Indice

Monica De Cesare Dioscuri spartani, Dioscuri beotici: alcune testimonianze iconografiche
vai all'articolo » Pag. 2-11
Max Seidl Picasso e la 'O' di Giotto
vai all'articolo » Pag. 12-99
"La donna fo tutta turbata / (la raina incoronata!)": le laudi mariane tardo-duecenteshe e gli affreschi di Ambrogio Lorenzetti a Montesiepi
vai all'articolo » Pag.100-103
Giampaolo Ermini "In mano di Mario". Notizie inedite e nuovi argomenti per Ambrogio Lorenzetti e gli orafi senesi del Trecento
vai all'articolo » Pag. 104-121
Marco Tanzi I due tondi mancanti: Romanino a Padova e L'Edípeo enciclopedico
vai all'articolo » Pag. 122-131
Paola Coniglio Aggiornmamento su Giovandomenico Mazzolo
vai all'articolo » Pag. 132-156
Marco M. Mascolo
vai all'articolo » Pag. 187-195