Nascita di una disciplina. Weitzmann, Toesca, Salmi: la strada si biforca

Massimo Bernab˛
Birth of a New Discipline. Weitzann, Toesca, Salmi:
The Path Splits
The article deals with the origins of the methodological
divergences between the approach to book illumination
which prevailed particularly in German, American, and
French studies and, in contrast, the Italian approach. On
one side, the German archaeologists and art historians
Otto Jahn, Carl Robert, and, later, Adolf Goldschmidt
prepared the grounds for studying miniatures as text illustrations,
by investigating the Tabulae Iliacae and Odysseace,
the Homeric bowls and the Medieval manuscripts
of Terence and other classical authors. Their methodology
was adopted in the University of Princeton by Charles
R. Morey and Albert M. Friend and was codified by the
German art historian Kurt Weitzmann when he moved to
the United States and published Illustrations in Roll and
Codex in 1947. On the other side, Italian studies in book
illumination were dominated by a formalistic approach,
which was rooted in Croce's aesthetics. After the end of
the Second World War, Italian art historian Mario Salmi
promoted an exclusively stylistic approach to miniatures,
when he organized the Mostra Storica Nazionale della
Miniatura (1953-1954), published the Storia della miniatura
italiana (1955), and edited the facsimile volume of
the Syriac Rabbula Gospels in the Biblioteca Medicea
Laurenziana in Florence (1959). Nevertheless, a number
of Italian art historians (as Pietro Toesca and Carlo Bertelli)
strongly disagreed with Salmi.

Indice

Tavole a colori
vai all'articolo »
Alessia Marzo Sull'origine dello stile Manerius: il contributo del Commento ai Salmi del canonico e magister Cotta di Vercelli
vai all'articolo »
Laura Violi La Bibbia 1 della Biblioteca Capitolare Feliniana di Lucca: testo, immagini, autografia
vai all'articolo »
Andrea Cravero La Bibbia fiorentina della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino
vai all'articolo »
Stefania Coniglio Parola e immagine nel manoscritto della Vita Gloriosissimae Virginis Mariae (Oxford, Bodleian Library, Canon. Misc. 476)
vai all'articolo »
Stefano Candiani Alcune considerazioni intorno all'iconografia dei santi vescovi ambrosiani nel Martirologio trecentesco Berlino-Milano
vai all'articolo »
Marta Guagnozzi Due codici giuridici miniati dalla ôpulchra librariaö di Capestrano alla Biblioteca Nazionale di Napoli
vai all'articolo »
Eleonora Mattia Un Plutarco di committenza veronese alla Det Kongelige Bibliotek di Copenaghen
vai all'articolo »
Marina Vitullo Tre codici miniati emiliani conservati nella Biblioteca di Santa Maria dei Miracoli di Casalbordino
vai all'articolo »
Cristina Quattrini Nel raggio di Giapeco e Bartolomeo Caporali. Due corali per un convento di minori osservanti del Montefeltro
vai all'articolo »
Chiara Copes La rappresentazione degli interni domestici lombardi nel Leggendario Sforza-Savoia di Cristoforo de Predis
vai all'articolo »
Serena Franzon Il gusto per l'oreficeria dipinta nella decorazione libraria di XV e XVI secolo. AffinitÓ e differenze tra miniature italiane e di area fiamminga
vai all'articolo »
Margherita Zibordi Studi di miniatura nella Venezia dell'Ottocento: il discorso di Cesare Foucard all'Accademia di Belle Arti (1857)
vai all'articolo »
Massimo Bernab˛ Nascita di una disciplina. Weitzmann, Toesca, Salmi: la strada si biforca
vai all'articolo »
A cura di Giuseppa Z. Zanichelli Recensioni
vai all'articolo »
A cura di Federica Toniolo Miniatura on-line
vai all'articolo »