Bernini pittore: la ricomparsa del ‘Ritratto di giovane uomo' Costa

La possibilità di poter finalmente vedere e studiare nell'originale un'opera inserita nel catalogo di Gian Lorenzo Bernini pittore fin dagli anni cinquanta, ma da gran tempo scomparsa dall'orizzonte degli studi, mi ha convinto della necessità di rivedere il mio giudizio, e di ampliare di un numero il ristretto e sofferto catalogo della pittura berniniana. Mi riferisco al dipinto che nell'Inventario ragionato della pittura berniniana ho censito nella sezione S (Opere realizzate nella scuola di Bernini, dai suoi allievi e sotto la sua direzione, spesso come esercizi di copia da originali del maestro), al numero 3:
Allievo di Bernini, da un'invenzione del maestro, Ritratto maschile. Olio su tela,
cm 42 x 37. 1630 circa.
Già a Genova, Collezione Costa.
Bibl.: Grassi 1951.
Dall'unica fotografia in bianco e nero che documenta questo quadro, sembra trattarsi di una buona versione di studio di un ritratto dipinto da Bernini. L'aria pensierosa e la forma della capigliatura testimoniano l'applicazione della formula creata con l'Autoritratto malinconico del 1630 (scheda 2 in questo catalogo). Poco prima, anche Francesco Petrucci aveva incluso l'opera nel suo catalogo della pittura berniniana, collocandolo nella sezione Ipotesi attributive, opere dubbie, e di incerta attribuzione, affermando di conoscerlo “solo attraverso una cattiva riproduzione fotografica”, e ritenendo dunque “opportuno sospendere il giudizio per non averne potuto prendere visione diretta”.

Indice

Aegyptiaca ligoriana: Iside e il “gran bubo” da Villa Adriana al giardino del Quirinale
vai all'articolo » pag. 2-27
Il polittico di San Clemente di Agostino De Marchi e Marco Zoppo: documenti, cronologia e stile
vai all'articolo » pag. 28-49
Angiolo Del Santo, uno scultore votato alla grafica nelle copertine di 'Vita d'Arte'
vai all'articolo » pag. 50-63
Una nuova tomba dell'Orientalizzante recente a Tivoli nel quadro dei rapporti tra Valle dell'Aniene e contigue comunità italiche
vai all'articolo » pag. 64-73
Tre identificazioni di statue antiche dalle incisioni di Giovanni Battista de Cavalieri
vai all'articolo » pag. 74-75
“Bonamicho excellentissimo maestro”. Sul Buffalmacco di Luciano Bellosi
vai all'articolo » pag. 76-87
Trionfalmacco per Pisa
vai all'articolo » pag. 88-94
La frammentaria epigrafe dipinta nella 'Resurrezione' di Piero della Francesca: un'ipotesi di ricostruzione
vai all'articolo » pag. 95-97
Nuove ricerche su San Giovanni di Verdara in Padova: il vescovo Pietro Barozzi e la bottega di Pierantonio Degli Abati
vai all'articolo » pag. 98-109
Sull'attività giovanile di Antoniazzo Romano: il trittico della 'Madonna del Buon Consiglio' per Zagarolo
vai all'articolo » pag. 110-123
Un 'San Giovannino' in terracotta di Andrea Sansovino
vai all'articolo » pag. 124-143
Una precisazione sullo “scrittoio” di Margherita d'Austria
vai all'articolo » pag. 144-147
Un lungo equivoco: i 'Santi Giacomo Minore e Filippo' di Paolo Veronese da Lecce a Dublino
vai all'articolo » pag. 148-163
Un'altra traccia di Tanzio a Napoli
vai all'articolo » pag. 164-183
Bernini pittore: la ricomparsa del 'Ritratto di giovane uomo' Costa
vai all'articolo » pag. 184-185
Appunti su una guida seicentesca di Roma dalla biblioteca di Giuliano Briganti
vai all'articolo » pag. 186-195