"Una spuntatura affrettata": Arte italiana e tedesca di Roberto Longhi

Roberto Longhi non amava particolarmentAlbrecht Dürer (fig. 1). In un saggidel 1914, rimasto inedito sino a tempi molto recenti (e cioè Keine Malerei. Arte boreale?), il giovane Longhi ha per l'artista di Norimberga parole non certo lusinghiere:

"Io non voglio parlar della sua pittura che è troppo inferiore alla mediocrità per poterla prendere in esame […] Disegnare poco e bene, con poche linee! – Dürer è il contrario […] Chi d'altronde gli vorrebbe negare anche una potente facoltà d'osservazione? Basta questo per negargli la facoltà pittorica, che è di visione e non di osservazione."

Frasi come queste, così caustiche e sprezzanti, erano lì inserite in un discorso più ampio, che aveva il suo baricentro in un confronto tra l'arte italiana e la 'non-arte'
nordica. In questo scritto giovanile e pieno di sdegnoso sarcasmo (si ricordi il passo in cui, in occasione dell'incendio della Biblioteca Reale di Torino, Longhi dichiara sprezzante "mi rimisi a dormire la notte che svegliandomi nella soffitta di via Po mi vidi arrostire dalle fiamme della biblioteca dove bruciavano le Ricchissime
ore del duca di Berry"; o gli attacchi al descrittivismo della pittura fiamminga, alla sua "mancanza di visione sintetica", e si potrebbe continuare a lungo), Longhi svolge il tema del rapporto tra pittura italiana e pittura del Nord, stigmatizzando della seconda soprattutto il suo aspetto di troppo vero, di troppo tecnico, di troppo scientifico. E arriva a condannare senza appello “lo scempio ch'essa [la pittura del Nord] fa della pittura italiana ogni volta che un'idea artistica le giunge inviatale da noi”.4 A distanza di più di trent'anni, in una conferenza del 1941, le considerazioni sull'artista di Norimberga si sono smussate, in qualche tratto si sono attenuate ed ingentilite ma, nella sostanza, permane una sorta di avversione. Collocata
al centro del saggio intitolato Arte italiana e arte tedesca, la trattazione di Dürer fa il suo ingresso in una scena dell'arte europea che, per quanto attiene all'Italia
ed alla Germania, ha ormai esaurito quasi del tutto le possibilità di dialogo.

(per continuare a leggere acquista l'articolo)
Arte italiana e tedesca di Roberto Longhi" /> Acquista articolo (PDF)
Vai al Fascicolo Abbonati alla rivista

Indice

Francesco Caglioti Donatello misconosciuto: il 'San Lorenzo' per la Pieve di Borgo San Lorenzo
vai all'articolo » Pag. 2- 99
Giovanna Bianchi La Fibula di Montieri. Indagini archeologiche alla canonica di San Niccolò e la scoperta di un gioiello medievale
vai all'articolo » Pag. 100-113
Ireneu Visa Guerrero Un piccolo risarcimento per Giovanni di Pietro da Pisa
vai all'articolo » Pag.114-119
Agostino Allegri Una traccia per la fama di Bramante
vai all'articolo » Pag. 120-126
Federica Nurchis Novità Mantovane per Nicolo' Musso
vai all'articolo » Pag. 127-137
Paola D'Agostino Le 'Virtù' di Cosimo Fanzago: tre bronzetti ritrovati
vai all'articolo » Pag. 138-145
Felice Mastrangelo Una pala di Anton Domenico Gabbiani per l'abbazia di San Galgano
vai all'articolo » Pag. 146-150
Marco M. Mascolo "Una spuntatura affrettata": Arte italiana e tedesca di Roberto Longhi
vai all'articolo » Pag. 151-166
Roberto Bartalini Stile, iconografia, funzioni. A proposito di Padre e figlio di Max Seidel
vai all'articolo » Pag. 167-172
Elisabetta Cioni Padre e figlio di Max Seidl: richerche di storia sociale, il Gotico transalpino, la 'ricezione' dell'arte di Nicola e Giovanni pisani
vai all'articolo » Pag. 173-179
Giovanni Agosti Testori civile
vai all'articolo » Pag. 180-185