Nei primi anni settanta è stata realizzata a Firenze una singolare esperienza di progettazione interattiva assieme ai cittadini delle periferie coinvolte. Il progetto, guidato dall’architetto Luigi Bicocchi, riguardava la ristrutturazione delle case minime di Rovezzano e della Casella. Fu quella un’operazione frutto di intuizione politica e di sperimentazione sociale urbana ambientale, per così dire, ‘preveggente’: infatti giunse a un progetto condiviso, innovativo e di grande qualità, formalmente approvato anche dal Comune di Firenze (sebbene mai effettivamente realizzato). Si cercò di favorire la partecipazione attraverso la nuova tecnologia del video: gli spunti che sarebbero poi serviti durante la progettazione architettonica erano forniti dalle registrazioni audiovisive, realizzate da un gruppo di giovani cineasti, costituivano infatti uno strumento utile per fornire.
La presente pubblicazione racconta questa particolare esperienza di progettazione urbana partecipata attraverso tavole e documenti dall’archivio Bicocchi, e le testimonianze di alcuni delle persone all’epoca coinvolte nel progetto.
Il video originale è visibile online su www.vimeo.com/252352387



Acquista
online